Home page  >  Documenti per Mosca > Visto per motivi familiari

Visto per motivi familiari

Per le richieste di visto di tipo «D» (nazionale), tutti i documenti devono essere tradotti in italiano. Le traduzioni dovranno essere effettuate da traduttori accreditati dal Consolato Generale d’Italia a Mosca e legalizzate dallo stesso Consolato Generale oppure potranno essere eseguite da un notaio e dovranno essere apostillate. I documenti emessi originalmente in lingua inglese potranno non essere tradotti. 

1. Lettera d’invito

Se l’invitante è un cittadino dell’Unione europea, con una residenza permanente in Italia, il richiedente deve presentare una lettera di invito, quando presenta richiesta di un visto di tipo “C” (durata non superiore a 90 giorni). Nel campo «Scopo» la persona invitante deve scrivere «Motivi familiari». Il modulo è disponibile sul nostro sito web nella sezione «Modulistica»

Se la persona invitante non è un cittadino dell’Unione europea, il richiedente deve fornire il “Nulla Osta” (autorizzazione ufficiale rilasciata dall’Ufficio Immigrazione italiano – Sportello Unico Immigrazione), quando presenta richiesta di un visto di tipo “D” (durata maggiore Di 90 giorni). Il Nulla Osta è valido solo per un periodo massimo di 6 mesi dalla data di rilascio.
Solo i cittadini che sono parenti stretti – coniugi; figli minori di 21 anni di età e genitori da mantenere; partner con unione registrata in uno degli Stati membri, se equiparata al matrimonio dallo Stato ospitante; discendenti diretti di eta` inferiore a 21 anni o a carico e quelli del coniuge o partner; ascendenti diretti a carico e quelli del coniuge o partner) possono richiedere un visto di cui sopra per un ricongiungimento familiare.

2. La copia della carta d’identità deve essere presentata, se l’invitante è un cittadino UE. La copia del permesso di soggiorno deve essere presentata se l’invitante non è cittadino UE.

3. Documenti di registrazione civile originale e copia o altra documentazione appropriata debitamente certificata dalle autorità locali preposte, che dimostrino il rapporto familiare con il richiedente (Apostille).

4. Fotocopia della pagina del passaporto valido per l’espatrio riportante i dati del richiedente e una fotografia del medesimo

5. Formulario di richiesta di visto depende del tipo di visto. Continua…

Durante la prenotazione dell’appuntamento attraverso il sito per la richiesta del visto tipo C il formulario sarà compilato automaticamente.

Per trovare il formulario della richiesta del visto tipo D cliccare qui.

6. Formulario di richiesta di visto recente in formato tessera Continua…

7. Il titolo di viaggio Continua…

8.  Ricevuta attestante l’avvenuto pagamento dei diritti consolari (Banca Intesa) Continua…
Visto di tipo “D” – 116 euro (Nessuna esenzione dal pagamento della tariffa consolare)
Visto di tipo “C” – gratuito

9. Le persone in pensione devono presentare il certificato attestante il pensionamento (originale e copia) ovvero la relativa documentazione rilasciata dal Fondo Pensione (originale e copia)

10. Passaporto nazionale (originale e copia della pagina con una foto e della pagina con la registrazione)

11. Consenso al trattamento dei dati personali Continua…

Per i minori,
quando richiedono un visto per il ricongiungimento familiare, i richiedenti dovranno fornire un certificato di nascita (originale e copia) e un modulo notarile di consenso al trasferimento della residenza permanente in Italia del minore, firmata dal secondo genitore (sia in originale che in copia / copia autenticata dal notaio), nonché una fotocopia del passaporto interno del genitore che dà il consenso alla partenza del minore.


Vi informiamo che oltre ai diritti consolari e ai servizi complementari dopo la consegna dei documenti dovete effettuare il pagamento dei servizi del Centro Visti. Potrete trovare t
utte le informazioni sui costi
nel link.

Ulteriori informazioni sulla presentazione dei documenti sono disponibili nella sezione «Informazioni importanti»

In caso di altre domande potete contattarci Continua…