Home page  >  Documenti per Mosca > Visto per lavoro autonomo (figure societarie di società non cooperative)

Visto per lavoro autonomo (figure societarie di società non cooperative)

Per le richieste di visto di tipo «D» (nazionale), tutti i documenti devono essere tradotti in italiano. Le traduzioni devono essere effettuate da traduttori accreditati dal Consolato Generale d’Italia a Mosca oppure tramite notaio. I documenti fatti in inglese non vanno tradotti.

Figure societarie di società non cooperative, solo se in attività da almeno tre anni e solo per il Presidente, i membri del Consiglio di amministrazione, l’amministratore delegato o il revisore dei conti.

1. Nulla Osta della Questura territorialmente competente rilasciato in data non anteriore a 90 giorni

2. Copia di una formale dichiarazione di responsabilità, preventivamente rilasciata o inviata dal legale rappresentante della società alla competente Direzione territoriale del lavoro – Servizio ispezione del lavoro – con la quale si indichi, che rapporto conferito, anche se contrattualmente, con il cittadino straniero che rivestirà carica sociale (di amministrazione o di controllo nella società), non verrà instaurato alcun rapporto di lavoro subordinato

3. Certificato d’iscrizione della società, in attività da almeno tre anni, nel registro delle imprese

4. Dichiarazione del rappresentante legale della società che assicuri in favore del richiedente un compenso di importo superiore al livello minimo previsto dalla legge per l’esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria (€8.400).

5. Copia dell’ultimo bilancio depositato presso il Registro delle imprese (nel caso di società di capitali), o dell’ultima dichiarazione dei redditi (nel caso di società di persone o impresa individuale), dal quale risulti che l’entità dei proventi o dei redditi sia sufficiente a garantire il compenso.

6. Disponibilità di un alloggio idoneo, dimostrabile secondo una delle seguenti modalità: contratto di acquisto o locazione di un immobile; dichiarazione resa ai sensi degli artt. 2 e 4 della legge 4.1.1968, n.15; dichiarazione resa ai sensi delle medesime norme da un cittadino italiano o straniero regolarmente soggiornante in Italia, che attesti di aver messo a disposizione del richiedente il visto un alloggio idoneo, corrispondente ai parametri minimi previsti dalla legge regionale per gli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Nel caso di affitto di un appartamento da una persona privata e necessario di presentare il documento d’identita del locatore.

7. Passaporto con validità superiore di almeno 3 mesi alla scadenza del visto richiesto. Fotocopia del passaporto stesso e di eventuali passaporti precedenti (pagine con dati personali e tutte le pagine con timbri o visti). Continua…

8. Formulario di richiesta di visto tipo “D” (si puo` trovare il formulario nel campo “Modulistica”)

9. Fotografia recente in formato tessera Continua…

10. Ricevuta attestante l’avvenuto pagamento dei diritti consolari Continua…
Visti tipo “D” – 116 euro (non ci sono categorie esentate dal pagamento)

11. Passaporto nazionale (originale e copia della pagina con una foto e della pagina con la registrazione)

12. Consenso al trattamento dei dati personali Continua…


Vi informiamo che oltre ai diritti consolari e ai servizi complementari dopo la consegna dei documenti dovete effettuare il pagamento dei servizi del Centro Visti.

Il Consolato Generale d’Italia si riserva il diritto di chiedere eventuali integrazioni di documentazione.