Home page  >  Documenti per Mosca > Visto per residenza elettiva

Visto per residenza elettiva

Per le richieste di visto di tipo «D» (nazionale), tutti i documenti devono essere tradotti in italiano. Le traduzioni dovranno essere effettuate da traduttori accreditati dal Consolato Generale d’Italia a Mosca e legalizzate dallo stesso Consolato Generale oppure potranno essere eseguite da un notaio e dovranno essere apostillate. I documenti emessi originalmente in lingua inglese potranno non essere tradotti. 

Possono presentare i documenti di richiesta del visto:
- il richiedente personalmente ( opure accompagnato da un suo legale)
- uno dei membri della famiglia con i documenti attestanti la parentela: ad esempio il genitore per il figlio, il figlio maggiorenne per i genitori, il marito per la moglie ecc. purché il legame di parentela sia provato mediante originale e copia o copia autenticata del certificato di parentela (es. di nascita, di matrimonio ecc.); nel caso in cui il proprio cognome fosse cambiato, devono essere forniti i documenti giustificativi (es. il certificato di matrimonio o il certificato che attesta il cambio di cognome) ( oppure accompagnato da un suo legale).

DOCUMENTI RICHIESTI

1. Formulario di richiesta di visto tipo “D” (si puo` trovare il formulario nel campo “Modulistica”)

2. Fotografia recente in formato tessera Continua…

3. Foto della pagina del passaporto valido per l’espatrio riportante i dati del richiedente e una foto.

4. Documentate ed ampie risorse economiche autonome, stabili e regolari (rendite), di cui si possa ragionevolmente supporre la continuità nel tempo, purché provenienti da fonti diverse dal lavoro subordinato (es. rendite da immobili; azioni o titoli di credito; proventi di attività imprenditoriali o finanziarie; pensioni, rendite vitalizie, quote di partecipazione a fondi comuni di investimento, ecc.). e per le quali sia possibile evincere che la persona possieda entrate annuali che non potranno essere inferiori al triplo dall’importo annuo previsto dalla Tabella A della Direttiva del Ministero dell’Interno del 1 marzo 2000.
Sono esclusi redditi da lavoro dipendente.

Tutti i documenti sopraindicati nonche` dichiarazioni dei redditi, contratti d`affitto di proprieta` immobile vanno presentati in originale piu`copia e tradotti in italiano. Estratti conto bancari si presentano in originale piu` copia con la traduzione in italiano.

I contratti (es. di partecipazione a una società, locazione di immobili, ecc.) dovranno inoltre essere postillati.
Le entrate derivanti dalle rendite di cui sopra dovranno trovare chiaro riscontro sui conti correnti degli ultimi 6 mesi attraverso le causali di versamento.
Oltre bisogna compilare e stampare la lista dei fonti di reddito secondo il modulo.

Familiari: al coniuge convivente, ai figli minori ed ai figli maggiorenni conviventi ed a carico potra` essere rilasciato analogo visto a condizione che le capacita` finanziarie complessive siano giudicate adeguate anche per quest’ultimi.

5. Documentate garanzie circa la disponibilità di una abitazione da eleggere a residenza.
Contratto di acquisto di un immobile redato da un notaio. In particolare, per l’acquisto di immobili, la volontà di acquistare l’immobile richiede, almeno, la presentazione, quanto meno, del contratto preliminare d’acquisto (compromesso redatto da un avvocato o notaio) e documentazione idonea a provare il versamento del primo pagamento (acconto), ovvero proposta irrevocabile d’acquisito da cui si possa individuare l’immobile che si intende acquistare e l’offerta economica. In ogni caso, all’atto della concessione del visto, dovrà dimostrarsi la disponibilità dell’alloggio deve essere attuale e l’atto che lo dimostra registrato presso l’Agenzia delle Entrate.
Tutti documenti vanno presentati in originale piu le copie.

6. Il titolo di viaggio Continua…

7. Ricevuta attestante l’avvenuto pagamento dei diritti consolari (Banca Intesa) Continua…
Visti tipo “D” – 116 euro (non ci sono categorie esentate dal pagamento).

8. Passaporto nazionale (originale e copia della pagina con una foto e della pagina con la registrazione)

9. Lettera di motivazione, scritta in inglese o in italiano, con la spiegazione dei motivi di soggiorno constante in Iitalia

10. Documenti che confermano la parentela ove necessari (l’originale+copia).

11. Consenso al trattamento dei dati personali Continua…

Per i richiedenti minorenni che viaggiano senza uno dei genitori è necessario il consenso all’espatrio ed alla residenza permanente in Italia da parte dell’altro genitore. Il consenso dovrà essere redatto in atto notarile (originale più copia) e presentato insieme a copia del passaporto interno del genitore che presta il consenso (pagine coi dati personali e la registrazione).

Il Consolato Generale d`Italia si riserva di chiedere eventuali integrazioni di documentazione.

Tempo di trattazione: 90 giorni

Vi informiamo che oltre ai diritti consolari e ai servizi complementari dopo la consegna dei documenti dovete effettuare il pagamento dei servizi del Centro Visti. Potrete trovare tutte le informazioni sui costi nel link.

Ulteriori informazioni sulla presentazione dei documenti sono disponibili nella sezione «Informazioni importanti»

In caso di altre domande potete contattarci Continua…